Autunno e tristezza: essere in sintonia con il ciclo della natura

  • Autunno e tristezza: essere in sintonia con il ciclo della natura

    Data di pubblicazione: 22/03/2017



    In questo periodo ci sentiamo un po’ svuotati e melanconici, non entriamo in panico c’è una spiegazione!

    L’autunno è il passaggio dalla luce estiva ed il caldo alla preparazione del buio e del freddo ed in questo momento di transizione ,la terra da frutti che ci riscaldando ed incomincia a ritirarsi.

    L’autunno è legato come ci insegna la Medicina Tradizionale Cinese all’elemento metallo, i cui organi di riferimento( guarda un po’) sono i polmoni e l’intestino crasso.

    E’ il tempo del “lasciar andare”, e’ il tempo del riordinare ed eliminare cio’ che non ci serve piu e tenere l’ essenziale, e’ il tempo della lettura.

    Gli animali fanno scorte o accumulano grasso per prepararsi al letargo.

    I cibi crudi li lasceremo all’estate ed assumeremo tisane ,minestre e zuppe che ci riscaldano.

    Il sentimento legato a questa stagione è la tristezza. C’ è una sorta di ritiro ed ascolto , tutto dovrebbe essere piu lento( ma chissa’ se ce la faremo a seguire il ciclo che ci suggerisce la Natura?!)

    Dare uno sguardo piu interiore, facendo passi verso l’interno.

    Fisicamente i capelli cadono come esattamente succede alle foglie o si accentua il senso di secchezza che richiede piu’ idratazione .

    Prima di dare uno sguardo ai rimedi omeopatici sulle affezioni polmonari e bronchiali cerchiamo di prevenirli a tavola. Il principio è riscaldare.

    Preferire:

    Barbabietole, cavolo cappuccio, broccoli, cavolini di Bruxelles ,funghi, riso , miglio, orzo, porri, miso, le radici, zucca, mele, uva, prugne, melagrana ,pere, mele cotogne, cachi, cannella, pepe, peperoncino, crauti, tempeh, zenzero ecc

    Ridurre o eliminare i cibi amari utili nel periodo primaverile e legati al fegato.

    Un rimedio che consiglio per i primi mal di gola : il Tè di zenzero col miele, preparato facendo bollire in acqua per cinque minuti ,5 fette di zenzero fresco ,aggiungendo alla fine un cucchiaino di miele.

    Un rimedio per detendere le membra da una giornata frenetica: Latte rilassante, da bere la sera, 1 tazza di latte di mandorle( o di riso o di avena) caldo, ½ cucchiaino zenzero secco,1/2 cucchiaino di curcuma, un pizzico di cannella, una grattugiata di noce moscata, miele.

    Zuppa Antifatica:

    cipolle, patate, sedano, carote, alloro, in una pentola di acqua una volta cotte si aggiunge un cucchiaino di curcuma e una punta di zenzero in polvere ed un pizzico di peperoncino. Si frulla il tutto un po’ di olio d’oliva extravergine.

    Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie( ungaretti)

    Le affezioni podagrose si riattivano in primavera e in autunno( Ippocrate)

    La autunno è cattivo per i sofferenti di consunzione( ippocrate)